La digitalizzazione e i continui cambiamenti del mondo del lavoro evidenziano quotidianamente come le competenze tecniche non siano sufficienti se non accompagnate dalle cosiddette competenze soft. 

Cosa sono le competenze soft?

Le soft skill sono date dall’insieme delle capacità relazionali e comportamentali di ciascun individuo. Capacità di ascolto e di lavorare in team, empatia e problem solving sono alcune delle attitudini figlie dell’educazione, dell’esperienza e dell’ambiente in cui le persone sono cresciute e sono state formate. 

Usualmente vengono poste in opposizione alle competenze tecniche (hard skill) che, al contrario, fanno riferimento ad abilità pratiche che possono essere apprese attraverso il percorso di studi o, comunque, per mezzo di una formazione settoriale. Da questo punto di vista le competenze tecniche in ambito tech sono tra le più richieste a causa della pervasione degli strumenti digitali nel mondo professionale. 

A differenza di quanto si possa pensare le soft skill non devono essere messe in opposizione rispetto alle competenze tecniche: solo dall’unione di queste due tipologie di competenze è possibile non solo ottimizzare la produttività, ma lavorare proficuamente in team. 

Perché lavorare in team è fondamentale?

Lavorare in team duplica le soddisfazioni e dimezza la fatica: con questa filosofia molte aziende favoriscono la realizzazione di progetti in gruppo all’interno del quale ciascun componente può dare il proprio contributo specifico. 

Affinché sia possibile raggiungere i risultati condivisi da tutto il team è opportuno che tutti si impegnino a: 

  • Condividere le idee: far circolare le idee all’interno di un gruppo di lavoro è fondamentale non solo per mantenere saldi i rapporti interpersonali, ma anche per fornire continui spunti di riflessione agli altri componenti. 
  • Comunicare correttamente: instaurare una modalità comunicativa corretta permette non solo di evitare fraintendimenti, ma anche di ottimizzare tempi e risorse comuni. Questo aspetto diventa ancora più rilevante quando alcuni “compagni di squadra” non sono anche compagni di scrivania: organizzare video call per allinearsi sullo stato di avanzamento del progetto è un ottimo modo per coinvolgere anche gli smart worker. 
  • L’unione fa la forza: sebbene a ciascun individuo vengano assegnati task differenti all’interno di un progetto, lo spirito di cooperazione deve caratterizzare la squadra che, solo in questo modo, potrà raggiungere gli obiettivi sperati. 

Sviluppo del potenziale: usare le competenze soft per lavorare in team

In un contesto lavorativo in costante mutamento, la capacità di lavorare in team non rappresenta solo una competenza trasversale, ma - spesso - una necessità sia per i collaboratori che per i team leader. 

Da una parte ai collaboratori è richiesta non solo flessibilità, ma anche istinto di cooperazione e empatia per poter instaurare un rapporto proficuo con i propri pari grado e con i superiori. Inoltre, l’attitudine alla trasparenza e all'esposizione chiara delle problematiche sono due abilità che possono rivelarsi particolarmente interessanti nello svolgimento di un progetto condiviso.

Dal punto di vista dei manager, al contrario, le soft skill che possono rivelarsi più utili sono l’apertura mentale, la fiducia nelle proprie abilità, l’attitudine a delegare e la capacità critica che devono muoversi - sempre - di pari passo. In questo modo ciascun team leader può motivare e valorizzare i membri del proprio gruppo di lavoro, esaltando le caratteristiche lavorative ed emotive di ognuno. 

È opportuno fare una riflessione separata per quanto riguarda l’intelligenza emotiva: si tratta di un’attitudine all’empatia e alla condivisione delle situazioni che permette a chi ne dispone di entrare in contatto diretto con il proprio interlocutore. È pertanto fondamentale che tutti i componenti del team si impegnino per sviluppare la propria intelligenza emotiva, coltivando le relazioni con i propri compagni di squadra e condividendo momenti di team building. 

Quali sono i benefici del lavorare in team in modo collaborativo?

Lavorare in team in modo collaborativo comporta concreti benefici non solo dal punto di vista relazionale, ma anche produttivo. Infatti, le figure manageriali, facendo leva sulle soft skills, ascoltano tutti membri del team e sono capaci di prendere la giusta decisione finale mantenendo un attento orientamento al servizio e mostrandosi collaborativi. 

In particolare, i benefici di lavorare in team in modo collaboratori sono: 

  • Riduzione dei tempi di lavorazione: quando più persone lavorano proficuamente ad uno stesso progetto è possibile ridurre in maniera significativa i tempi di consegna di un progetto. 
  • Scambio reciproco di competenze e idee: poter godere di più punti di vista su un medesimo argomento permette di realizzare un progetto completo e sfaccettato. 
  • Possibilità di fare affidamento sui propri compagni di squadra: nel caso in cui un membro del gruppo si trovi in difficoltà o stia attraversando un momento di scoraggiamento è fondamentale che gli altri componenti del gruppo - forti della propria intelligenza emotiva - lo possano supportare adeguatamente. 

In conclusione, è opportuno sottolineare come all’interno di un gruppo di lavoro le competenze trasversali possano fare la differenza. In particolare, la capacità di problem solving e l’empatia sono strumenti molto potenti che consentono di sostenere il team fino al raggiungimento degli obiettivi condivisi.

Se sei un professionista in cerca di una nuova sfida professionale, candidati alle opportunità di lavoro.

Disponible su Google Play
App store

I più popolari